Logo Italian Baja

Questo sito web utilizza i cookie

Sul sito ci sono cookies tecnici e di terze parti profilanti per i quali abbiamo bisogno di un tuo consenso all'installazione. Leggi al nostra Policy Privacy Cookies

Baja verso le 60 iscrizioni. Bene auto e quad


06 Marzo 2009

L'edizione 2009 della manifestazione motoristica andrà in scena dal 19 al 22 marzo, gara valida per la seconda prova del Fia cup for cross country Bajas e per il campionato italiano Tout terrain. Ospite d'onore il vicepresidente della commissione Fia cross country Baja, l'irlandese Ronan Morgan: la sua presenza testimonia come la federazione internazionale tenga in grande considerazione la gara, nonostante le iscrizioni, rispetto alle edizioni di qualche anno fa, siano diminuite. La congiuntura sfavorevole ha colpito anche il mondo delle competizioni sportive motoristiche (vedi il ritiro dal campionato mondiale rally di Subaru e Suzuki) e l'Italian Baja non è certo immune da questo ragionamento. Ciononostante, le previsioni sulla manifestazione sono buone, sicuramente migliori rispetto a quelle stilate per l'edizione del 2005, quando la gara fu organizzata in Sardegna per superare ostacoli burocratici e di percorso.

 

LE NOVITA'. Nel corso della presentazione, sono state illustrate alcune novità di rilievo per quanto riguarda la logistica e il tracciato. E proprio su quest'ultimo punto si è concentrata l'attenzione dell'altro ospite illustre, il pluricampione italiano Lorenzo Codecà (Suzuki), uno dei favoriti per la vittoria finale. 

 


LE ISCRIZIONI. A pochi giorni dalla scadenza del termine per le domande (lunedì 9 marzo), si va verso le 60 partecipazioni tra auto, moto e quad. Nella categoria auto comandano di poco gli italiani, con le adesioni di Paolo Abinie Valentino Bombelli (entrambi su Mitsubishi); Andrea Luchini, Giacomo Trebbie Andrea Toro(su Nissan), quest'ultimo con il pordenonese Mauro Nadinnel ruolo di navigatore. Per il trofeo Suzuki in lizza Stefano Sabellicoe Armando Accadia.

 

MOTO E QUAD. Le moto faticano a rimpinguare la lista, in quanto i greti dei fiumi non sono facili da affrontare su due ruote e, in generale, l'aspro percorso del Baja rende la vita particolarmente dura ai centauri. Va molto meglio la 'pesca" dei quad, che può contare anche sul pordenonese Gabriele Di Doi(Suzuki Ltr)

 

Carlo Ragogna Ufficio Stampa italian Baja

Segui Italian Baja    pagina Facebook Italian Bajapagina Twitter Italian BajaCanale YouTube Italian Bajapagina Instagram Italian Bajaprofilo Flickr  Italian Baja
NEWS, INFO, in anteprima dal mondo del Baja
Il tuo indirizzo E-mail verrà utilizzato solo per inviarti le nostre newsletter informative sul mondo del Baja. Puoi disiscriverti in qualunque momento utilizzando il link di cancellazione che troverai alla fine della newsletter. Maggiori informazioni sulla gestione dei tuoi dati.
© 2021 T.O.P. srl
P.IVA IT01454130939
Policy, Privacy, Cookies
Area Riservata

IT | EN

Credits