Logo Italian Baja

Questo sito web utilizza i cookie

Sul sito ci sono cookies tecnici e di terze parti profilanti per i quali abbiamo bisogno di un tuo consenso all'installazione. Leggi al nostra Policy Privacy Cookies


Oggi l’Italian Baja Artugna Race


La corsa dall’Interporto di Pordenone ai Quattro Comuni riapre finalmente le sfide motoristiche nel Friuli Venezia Giulia con i big del tricolore fuoristrada.

 

Pordenone, 20 marzo 2021_ Finalmente si ricomincia, almeno dal punto di vista delle sfide motoristiche. L’Italian Baja International “Artugna Race” va in scena oggi con base all’Interporto di Pordenone e tracciato di 30,25 km sulle stradine interpoderali di Fontanafredda, Polcenigo, Aviano e Budoia. E’ la prima gara che si corre in Friuli Venezia Giulia dall’inizio della pandemia, “Covid free” perché tutto il personale coinvolto è stato controllato preliminarmente, ma senza contorno di pubblico per motivi si sicurezza sanitaria.

 

 

 

Inizia la doppia sfida del Campionato Italiano Cross Country e Ssv, con 42 equipaggi al via dopo le verifiche sportive e tecniche di ieri con “sacrificio” di Paolo Cau, causa rottura motore del suo Mitsubishi Pajero. Due big stranieri del calibro di Miroslav Zapletal (Ford 150 Evo) affiancato da Marek Sykora e Carlos Checa (Can-Am Maverick) con Paolo Ceci alle note, sono le stelle della corsa, ma non saranno i primi a partire in seguito alla cerimonia di scelta dei numeri di partenza svoltasi ieri sera.

 

 

 

Infatti alle 9:15 dall’Interporto si muoveranno per primi Alessandro e Marco Trivini Bellini con il Suzuki Grand Vitara T2 del Tb Team, seguiti da Zapletal e quindi da Andrea Alfano e Stefano Rossi su Nissan Pathfinder del Ramingo 4x4. Quarto al via Sergio Galletti su Toyota Hilux Overdrive con preparazione R-Team assieme a Daniele Fontana, anticipando di 2’ il Suzuki Grand Vitara del campione in carica del cross country tricolore, Lorenzo Codecà navigato dal pordenonese Mauro Toffoli, a loro volta seguiti dall’altro Vitara ufficiale affidato a Federico Crozzolo e Paolo Pasian.

 

 

 

Sul fronte Side by side vehicles, primi al via i Quaddy Yamaha T3 con equipaggi composti da Andrea De Luna e Alessandro Marangotto, Nicolò Algarotti e Roberto Marzocco. Pista quindi già segnata per il favorito Amerigo Ventura con il debuttante Mirko Brun alle note, su Quaddy Yamaha TM2, e poi nell’ordine Alessandro ed Emiliano Tinaburri su Yamaha TM1, Elvis Borsoi e Stefano Pelloni su Can-Am Maverick TM1 identico a quello a disposizione di Checa. Tanta la curiosità di vedere in azione anche l’immortale Franco Picco con Camillo Dal Zotto su Polaris Razor.

 

Il meteo incerto e uno scroscio di pioggia pomeridiano ha dispensato ieri un po’ di fango da aggredire sul settore selettivo con start alle 10:00, 12:30, 15:00. Difficoltà in più per tutti, ma soprattutto per chi partirà dietro e si troverà il percorso scavato. Pordenonesi ambiziosi, con il rientro di Federico Crozzolo (Suzuki) e Andrea Tomasini nel T1, mentre nel T2 il redivivo Claudio Allegranzi potrà verificare la distanza attuale dai marpioni Alfio Bordonaro e Andrea Luchini (tutti e tre su Vitara di serie). Mauro Vagaggini (Yamaha Yxz) assieme a Manuela Perissinotti si ripresenta nella gara di casa, sognando nuova gloria dopo il sigillo tricolore 2017.

 

Ufficio Stampa Italian Baja – Carlo Ragogna

Altri articoli dell'edizione Italian Baja International, edizione 2020



Segui Italian Baja    pagina Facebook Italian Bajapagina Twitter Italian BajaCanale YouTube Italian Bajapagina Instagram Italian Bajaprofilo Flickr  Italian Baja
© 2021 T.O.P. srl
P.IVA IT01454130939
Policy, Privacy, Cookies
Area Riservata

IT | EN

Credits