Duello tricolore alla Baja mondiale



20 Maggio 2017

Si prepara una nuova sfida Borsoi-Codecà dopo l’ouverture di Primavera.


Il record d’iscritti (47) e di partenti (46) al Primavera che si è corso a marzo fa ben sperare in una massiccia partecipazione dei nostri piloti  all’Italian Baja mondiale che andrà in scena dal 14 al 18 giugno prossimi. Il confronto con gli specialisti stranieri è una molla eccezionale per l’orgoglio tricolore, pur considerando in generale la disparità dei mezzi a disposizione e le chance risicate di lottare per le posizioni di vertice. Ma quest’anno il Campionato Italiano Cross Country Rally è partito con il vento in poppa, gravido di un entusiasmo condiviso per il progetto di rilancio sotto l’egida di Aci Sport.

 

INCROCIO DI RUOTE. Un po’ a sorpresa la prima gara è stata vinta da Elvis Borsoi (Toyota Toyodell) davanti al campione in carica Lorenzo Codecà e al rientrante Andrea Toro (entrambi Suzuki Grand Vitara). Tra i derivati dalla serie (T2), Alfio Bordonaro ha battuto nell’ordine Andrea Luchini e Giuseppe Ananasso (tutti su Suzuki Grand Vitara). Tra i veicoli di scaduta omologazione (TH), fondamentali per rivitalizzare la rassegna nazionale, successo di Simone Grossi (Land Rover) davanti a Francesco Ceschin (Daihatsu Rocky) e Gianluca Morra (Mitsubishi Pajero).

 

CAUTO BORSOI. “Nessuna esaltazione. Dal mio punto di vista – sottolinea il driver di Conegliano – non è cambiato nulla. Lo scudetto è sempre un obiettivo da raggiungere per tutti. Sicuramente Codecà studierà un attacco e noi cercheremo una contro mossa. Nessuna modifica sul Toyodell, ma c’è l’impegno di tutto il Team Collodel 4x4 di arrivare alla fine con un buon risultato. La cosa più importante è l’affidabilità del mezzo in una gara dura e selettiva. Io sono pronto”.

 

GRINTA CODECA’. “Ci aspettavamo un inizio di stagione non facile – puntualizza l’alfiere Suzuki – dato che non abbiamo potuto fare il giusto setup della vettura prima della gara di marzo. Ma ora con Emmetre Racing stiamo lavorando sull’assetto e gli interventi ci daranno sicuramente la possibilità di migliorare le prestazioni. In ogni caso l’Italian Baja è gara dalle mille insidie e formidabili avversari, uno stimolo ancora più grande per dare il massimo”.

 

Carlo Ragogna Ufficio Stampa italian Baja

Altre news dell'edizione Italian Baja 2017



Segui Italian Baja    pagina Facebook Italian Bajapagina Twitter Italian BajaCanale YouTube Italian Bajapagina Instagram Italian Bajaprofilo Flickr  Italian Baja

Questo sito web utilizza i cookie

Sul sito ci sono cookies tecnici e di terze parti profilanti per i quali abbiamo bisogno di un tuo consenso all'installazione. Leggi al nostra Policy Privacy Cookies